Vai al contenuto principale
Spedizione gratuita da € 25 (NL) / € 50 (EU) - ordinato prima delle 17:00, spedito lo stesso giorno.
Ricerca scientifica

Ricerca scientifica

Puoi acquistare legalmente olio di cannabis con CBD in negozi web specializzati come Wietolie.nl. L'olio di CBD è da qualche tempo anche sugli scaffali di diverse grandi catene di farmacie.

L'olio di cannabis CBD e l'olio di cannabis THC sono stati utilizzati da anni da grandi gruppi di persone. Ogni anno sempre più persone scoprono l'utilità dell'olio di cannabis. E su Internet puoi trovare storie entusiaste di consumatori di olio di cannabis.

L'olio di cannabis sembra essere pienamente accettato nel 2020, ma le apparenze ingannano.

Ricerca sull'olio di cannabisMondo medico e olio di cannabis

Nonostante tutte le storie positive, il mondo medico rimane molto riservato sull'uso dell'olio di cannabis. L'argomento è sempre lo stesso: ci sono ancora prove scientifiche insufficienti.

Da un lato, questo è comprensibile. I medici non vogliono prescrivere farmaci fino a quando l'effetto e i possibili effetti collaterali non sono stati studiati a fondo in grandi gruppi di persone.

D'altra parte, troviamo strano che l'effetto medicinale degli ingredienti CBD e THC sia stato studiato così poco. Spiegheremo questo.

Cannabis terapeutica vecchiaia

Il cannabidiolo (CBD) e il Tetraidrocannabinolo (THC) provengono dalla pianta di cannabis e la cannabis è stata usata come medicina per secoli da varie culture. Fino all'inizio del ventesimo secolo, si poteva anche acquistare un estratto di cannabis in farmacia nei Paesi Bassi.

Quindi ci si aspetterebbe che l'effetto medicinale delle varie sostanze della pianta di cannabis sia stato ora accuratamente studiato scientificamente. Perché non è così?

Possiamo trovare la causa nella storia.

Il divieto porta alla perdita di conoscenza

Il primo Opium Act è entrato in vigore nel 1919. Questo era diretto contro il commercio e l'uso di oppio, morfina, cocaina e derivati. In altre parole: il primo Opium Act si è concentrato sulle droghe pesanti che creano dipendenza. Come droga leggera, la cannabis non figurava nell'intera legge.

Le cose cambiarono nel 1928. Poi entrò in vigore il secondo Opium Act e da quel momento la cannabis fu bandita. Questo nuovo Opium Act era necessario per conformarsi ai trattati internazionali. Aveva poco a che fare con la salute pubblica.

Il divieto della cannabis non ha riguardato solo l'uso della cannabis come stimolante, ma anche l'uso della cannabis per motivi di salute e la ricerca medica associata.

Ricerca scientifica sulla cannabisLa ricerca medica rimane difficile

Nel 2020, vengono condotte sempre più ricerche scientifiche sulla cannabis e sulle sostanze della pianta di cannabis. Sappiamo ancora di più sul sistema corporeo che risponde a queste sostanze: il sistema endocannabinoide (ECS).

Le sostanze della pianta di cannabis a cui reagisce l'ECS sono chiamate cannabinoidi. I cannabinoidi più studiati fino ad oggi sono il tetraidrocannabinolo (THC) e il cannabidiolo (CBD).

Tuttavia, di solito si tratta di ricerche di laboratorio e la maggior parte della ricerca si svolge all'estero. Questo per due ragioni.

normativo

L'Opium Act prevede un'eccezione per la ricerca scientifica, ma ciò nonostante rimane molto difficile nei Paesi Bassi studiare l'effetto dei cannabinoidi in ampi gruppi di pazienti.

Sono soprattutto i regolamenti obsoleti che lo rendono così difficile. Per fare solo un semplice esempio: come ricercatore devi acquistare tutta la cannabis necessaria dal rivenditore di cannabis del governo. Questa cannabis è molto costosa.

Non hai bisogno di molto per la ricerca di laboratorio, ma se vuoi dare a gruppi di soggetti di prova una certa quantità di THC o CBD ogni giorno per un periodo di tempo più lungo, allora sarà un affare costoso. Chi lo finanzierà?

E questo ci porta al secondo problema che i ricercatori olandesi sui cannabinoidi devono affrontare: l'immagine!

immagine della caffetteria

Nei Paesi Bassi conosciamo la politica della tolleranza da decenni. Di conseguenza, è semi-legale comprare e usare cannabis sin dagli anni 'XNUMX.

Tuttavia, ciò non significava che tutti i Paesi Bassi iniziassero improvvisamente a usare cannabis. All'interno della clientela di una caffetteria media, la proporzione di tipi hippie è rimasta sovrarappresentata.

Questa immagine da bar si è irradiata anche agli scienziati che volevano ricercare il potenziale medicinale della cannabis. Erano spesso visti dai colleghi come hippy in abito bianco. Allora diventa difficile trovare finanziatori.

Sfortunatamente, non vediamo questo cambiamento in tempi brevi. I Paesi Bassi stanno diventando sempre più conservatori e questo si riflette nella politica del governo. Questo filtra attraverso la politica di sovvenzione per la ricerca scientifica.

all'estero

All'estero è meglio? La risposta è sì e no.

È vero che all'estero si sta facendo più ricerca scientifica sulla cannabis. Negli Stati Uniti, in particolare, si spendono decine di milioni di dollari per la ricerca sulla cannabis.

Tuttavia, se osserviamo più da vicino, vediamo che la maggior parte degli studi ha un approccio negativo. I ricercatori stanno principalmente esaminando i potenziali pericoli dell'uso di cannabis. Ci sono molti più soldi disponibili per questo in questo paese estremamente conservatore.

Quanto è diverso nel vicino Canada. Sono in corso molte ricerche sul sistema endocannabinoide. Questo paese è molto più liberale degli Stati Uniti. Aiuta anche che la cannabis è legale in Canada.

È auspicabile che in Cina vengano condotte molte ricerche sul potenziale medicinale di CBD, THC e altri cannabinoidi. Ciò è in parte dovuto al fatto che la cannabis fa parte della medicina tradizionale cinese.

D'altra parte, negli anni 'XNUMX la Cina non aveva una forte controcultura in cui l'uso di droghe fosse una parte importante. Questo è il motivo per cui la cannabis in Cina non è associata agli hippy che fumano erba come in Occidente.

Conclusione

In un mondo sempre più conservatore, la ricerca medica su larga scala sul potenziale medicinale di CBD, THC e altri cannabinoidi rimarrà impegnativa. Ci sono alcuni punti luminosi.

Innanzitutto, ci sono alcuni paesi che stanno investendo molto nella ricerca scientifica sul sistema endocannabinoide.

In secondo luogo, sempre più persone utilizzano l'olio di cannabis per sostenere la propria salute. Ciò è dovuto principalmente al passaparola di utenti soddisfatti. Anche le persone che non visitano mai un bar usano l'olio di cannabis in questi giorni.

Si spera che queste esperienze positive alla fine assicurino che l'attenzione scientifica sia rivolta anche agli effetti positivi dell'olio di cannabis nei Paesi Bassi.

Tuttavia, è possibile anche il contrario. Un governo di conservazione può decidere di sovvenzionare proprio quegli studi che problematizzano l'uso dell'olio di cannabis. In questo modo, un governo neoliberista può giustificare la propria politica repressiva.

Vedremo cosa ci riserverà il futuro. Fino ad allora, continueremo a vendere prodotti CBD. Questo è il nostro modo di rendere il mondo un po' migliore.

Torna in alto
La valutazione di www.wietolie.nl at Webshop Keurmerk Valutazioni dei clienti è 9.5 / 10 basato su 4118 recensioni.